ARTIGIANI: DATI IN MIGLIORAMENTO MA LA CRISI NON È ANCORA ALLE SPALLE

La fotografia scattata da Unioncamere e InfoCamere sull’imprenditoria artigiana indica una flessione nella Tuscia nel 2017 pari al -1,2, mentre nel 2016 era del -2,2%.


pubblicata il 30/03/2018

Viterbo, 30 marzo 2018 – Ancora un anno difficile per l’artigianato viterbese, seppure con qualche luce all’orizzonte. Sebbene anche il 2017 si sia concluso con un saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni di imprese il risultato è meno pesante rispetto al 2016.

Nello specifico lo scorso anno sono state 454 le nuove imprese iscritte e 542 quelle cancellate con un saldo negativo di -88, pari al -1,2% sostanzialmente in linea con il dato regionale che è del -1,1%, ma non con quello nazionale del -0,8%. Mentre nel 2016 si era registrato una flessione ben più consistente nella Tuscia del -2,2%, mentre a livello regionale era stato del -1,3%, e quello nazionale del -1,2%.

E’ quanto emerge dalla fotografia scattata da Unioncamere e InfoCamere sull’imprenditoria artigiana a partire dai dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio (i dati sono disponibili all’indirizzo www.infocamere.it).

Guardando alla geografia dell’Italia artigiana, nel 2017 tutte le macro-aree del Paese hanno fatto registrare una diminuzione dello stock delle imprese, in una forchetta compresa tra le -2.500 imprese del Nord-Est e le oltre 3.500 del Mezzogiorno, ma tutte in miglioramento rispetto ai dodici mesi precedenti. Tra le regioni, il Trentino-Alto Adige è l’unica che presenta una modestissima crescita (+8 imprese, +0,03%). La graduatoria provinciale per tasso di crescita evidenzia una presenza ridotta di province caratterizzate da un segno positivo: Reggio Calabria (+0,85% pari a +83 imprese), Bolzano (+0,71% e +95 imprese), Milano (+0,65% per 455 imprese artigiane in più), Taranto (+0,17% e +13 imprese), Trieste (+0,11% e +5 unità) e Monza (+0,05% e +11 unità).

Per quanto riguarda la Tuscia nel 2017 il settore delle costruzioni rimane quello di gran lunga più consistente dell’intero artigianato provinciale (46% sul totale), ma continua ad evidenziare dati negativi, anche se con una severità inferiore rispetto al recente passato, segnando un -2,1%. In ordine di importanza anche il settore della manifattura in senso stretto, che rappresenta il 18,5% delle imprese artigiane, genera una lievissimo calo con un -0,6%, anche in questo caso dato negativo ma meno preoccupante rispetto all’analogo degli ultimi anni. Continua l’emorragia di imprese artigiane nell’ambito dei trasporti, settore peggiore tra quelli oggetto di analisi che genera ancora un dato preoccupante con un -2,9%. Dato positivo, invece, per il settore dei servizi alla persona, componente preponderante delle “altre attività di servizi”, che ha messo in evidenza una crescita sensibile delle attività artigiane, comparto in cui si è registrata una crescita del 2% rispetto al 2016.

 


 

Tabella 1 - Nati-mortalità delle imprese artigiane regioni - Anno 2017

Valori assoluti e percentuali

Regioni

Iscrizioni

Cessazioni

Saldo

Stock

Tasso di

Tasso di

     

Anno 2017

31.12.2017

crescita

crescita

         

Anno 2017

Anno 2016

             

PIEMONTE

8.013

9.349

-1.336

119.809

-1,09%

-1,16%

VALLE D'AOSTA

275

279

-4

3.672

-0,11%

-1,11%

LOMBARDIA

15.759

16.760

-1.001

249.558

-0,40%

-0,68%

TRENTINO A. A.

1.599

1.591

8

25.828

0,03%

-0,18%

VENETO

7.368

8.598

-1.230

129.038

-0,94%

-1,20%

FRIULI V. G.

1.759

1.898

-139

28.347

-0,49%

-1,10%

LIGURIA

2.814

3.149

-335

44.207

-0,75%

-0,78%

EMILIA ROMAGNA

8.560

9.702

-1.142

128.902

-0,88%

-1,26%

TOSCANA

7.428

8.367

-939

105.546

-0,88%

-1,14%

UMBRIA

1.283

1.528

-245

21.017

-1,14%

-1,82%

MARCHE

2.744

3.222

-478

45.722

-1,03%

-2,02%

LAZIO

6.040

7.101

-1.061

96.180

-1,09%

-1,34%

ABRUZZO

1.668

2.268

-600

30.761

-1,91%

-2,06%

MOLISE

338

447

-109

6.627

-1,62%

-1,93%

CAMPANIA

3.796

4.288

-492

69.596

-0,70%

-1,45%

PUGLIA

3.982

4.531

-549

68.828

-0,78%

-1,38%

BASILICATA

480

569

-89

10.476

-0,84%

-1,44%

CALABRIA

1.723

1.901

-178

33.324

-0,53%

-0,84%

SICILIA

3.581

4.385

-804

74.180

-1,07%

-1,24%

SARDEGNA

1.626

2.332

-706

35.562

-1,94%

-1,39%

ITALIA

80.836

92.265

-11.429

1.327.180

-0,85%

-1,16%

             

Aree geografiche

           

NORD-OVEST

26.861

29.537

-2.676

417.246

-0,64%

-0,84%

NORD-EST

19.286

21.789

-2.503

312.115

-0,79%

-1,13%

CENTRO

17.495

20.218

-2.723

268.465

-1,00%

-1,42%

SUD E ISOLE

17.194

20.721

-3.527

329.354

-1,06%

-1,39%

TOTALE ITALIA

80.836

92.265

-11.429

1.327.180

-0,85%

-1,16%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tabella 2 - Nati-mortalità delle imprese artigiane per settore di attività - Anno 2017 in provincia di Viterbo

 

Settore

Registrate

Iscrizioni

Cessazioni

Tasso iscrizioni cessazioni

A Agricoltura, silvicoltura pesca

146

14

15

-0,7%

B Estrazione di minerali da cave e miniere

7

0

1

-14,3%

C Attività manifatturiere

1.374

69

78

-0,7%

E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d...

10

0

0

0,0%

F Costruzioni

3.398

212

285

-2,1%

G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut...

504

20

36

-3,2%

H Trasporto e magazzinaggio

309

8

17

-2,9%

I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

195

20

29

-4,6%

J Servizi di informazione e comunicazione

74

12

5

9,5%

K Attività finanziarie e assicurative

1

0

0

0,0%

M Attività professionali, scientifiche e tecniche

86

8

0

9,3%

N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp...

228

20

22

-0,9%

P Istruzione

15

0

0

0,0%

Q Sanità e assistenza sociale 

1

1

0

100,0%

R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver...

31

6

5

3,2%

S Altre attività di servizi

1.039

62

47

1,4%

X Imprese non classificate

21

2

2

0,0%

Totale

7.439

454

542

-1,2%

Fonte: Camera di Commercio di Viterbo-InfoCamere, Movimprese


Riepilogo dei principali indicatori di nati-mortalità delle imprese nel 2017 – IMPRESE ARTIGIANE

Graduatoria provinciale per tasso di crescita

 

PROVINCE 

Iscrizioni

Cessazioni

Saldo

Tasso di crescita

 

 PROVINCE 

Iscrizioni

Cessazioni

Saldo

Tasso di crescita

REGGIO CALABRIA

568

485

83

0,85%

 

MANTOVA            

739

863

-124

-1,02%

BOLZANO            

842

747

95

0,71%

 

PAVIA               

922

1.071

-149

-1,03%

MILANO             

4.964

4.509

455

0,65%

 

TORINO             

4.338

4.988

-650

-1,04%

TARANTO            

438

425

13

0,17%

 

SONDRIO            

210

258

-48

-1,07%

TRIESTE            

317

312

5

0,11%

 

NUORO               

283

354

-71

-1,09%

MONZA E BRIANZA    

1.461

1.450

11

0,05%

 

AREZZO             

675

791

-116

-1,13%

NAPOLI             

1.565

1.574

-9

-0,03%

 

BARI               

1.371

1.693

-322

-1,13%

GROSSETO           

424

430

-6

-0,10%

 

PESARO E URBINO    

652

780

-128

-1,13%

AOSTA              

275

279

-4

-0,11%

 

MESSINA            

511

639

-128

-1,14%

IMPERIA            

492

504

-12

-0,17%

 

CASERTA            

709

832

-123

-1,15%

PISA               

709

732

-23

-0,22%

 

PIACENZA           

448

544

-96

-1,16%

VIBO VALENTIA 

152

158

-6

-0,24%

 

MODENA             

1.370

1.615

-245

-1,16%

NOVARA             

619

643

-24

-0,25%

 

FERRARA            

587

691

-104

-1,17%

VENEZIA            

1.191

1.258

-67

-0,35%

 

VITERBO            

454

542

-88

-1,17%

MACERATA           

649

690

-41

-0,38%

 

VICENZA            

1.311

1.598

-287

-1,17%

LIVORNO            

488

515

-27

-0,38%

 

COSENZA            

548

687

-139

-1,17%

LECCE              

1.133

1.203

-70

-0,39%

 

LECCO              

492

598

-106

-1,19%

RIMINI             

713

754

-41

-0,42%

 

VERONA             

1.501

1.807

-306

-1,20%

FIRENZE            

2.071

2.200

-129

-0,44%

 

CAMPOBASSO         

259

317

-58

-1,20%

UDINE              

827

893

-66

-0,47%

 

FERMO              

371

453

-82

-1,23%

ANCONA             

741

797

-56

-0,48%

 

SALERNO            

975

1.212

-237

-1,24%

CATANZARO          

320

352

-32

-0,50%

 

PERUGIA            

961

1.176

-215

-1,29%

BOLOGNA            

1.784

1.932

-148

-0,54%

 

FOGGIA             

546

671

-125

-1,33%

GORIZIA            

192

207

-15

-0,56%

 

BELLUNO            

246

314

-68

-1,34%

TREVISO            

1.337

1.473

-136

-0,58%

 

SIENA              

394

492

-98

-1,43%

CATANIA            

834

936

-102

-0,60%

 

SAVONA             

521

653

-132

-1,44%

GENOVA             

1.396

1.537

-141

-0,61%

 

MASSA CARRARA      

371

450

-79

-1,45%

TERNI              

322

352

-30

-0,61%

 

VERCELLI           

271

340

-69

-1,45%

BRINDISI           

494

539

-45

-0,64%

 

FROSINONE          

577

709

-132

-1,48%

ASTI               

431

472

-41

-0,66%

 

PARMA              

725

914

-189

-1,49%

BRESCIA            

2.027

2.257

-230

-0,66%

 

AGRIGENTO          

288

381

-93

-1,53%

TRENTO             

757

844

-87

-0,68%

 

BENEVENTO          

217

292

-75

-1,58%

COMO               

937

1.045

-108

-0,68%

 

SASSARI            

703

910

-207

-1,60%

VARESE             

1.288

1.439

-151

-0,69%

 

LODI               

305

391

-86

-1,61%

AVELLINO           

330

378

-48

-0,70%

 

PISTOIA            

572

732

-160

-1,68%

PALERMO            

722

827

-105

-0,72%

 

LUCCA              

762

964

-202

-1,73%

RAVENNA            

703

781

-78

-0,73%

 

CAGLIARI           

638

881

-243

-1,77%

REGGIO EMILIA      

1.460

1.607

-147

-0,76%

 

SIRACUSA           

181

294

-113

-1,83%

FORLI' - CESENA    

770

864

-94

-0,77%

 

PESCARA            

430

568

-138

-1,84%

LATINA             

580

650

-70

-0,77%

 

ENNA               

156

215

-59

-1,85%

MATERA             

170

198

-28

-0,80%

 

CREMONA            

462

627

-165

-1,86%

TRAPANI            

390

446

-56

-0,80%

 

ROVIGO             

368

492

-124

-1,87%

PORDENONE          

423

486

-63

-0,85%

 

BIELLA             

299

404

-105

-1,96%

POTENZA            

310

371

-61

-0,86%

 

ALESSANDRIA        

692

938

-246

-2,14%

RAGUSA              

350

405

-55

-0,87%

 

RIETI              

210

290

-80

-2,16%

CUNEO              

1.135

1.293

-158

-0,88%

 

L'AQUILA           

344

504

-160

-2,26%

PADOVA             

1.414

1.656

-242

-0,93%

 

CHIETI             

418

639

-221

-2,52%

LA SPEZIA          

405

455

-50

-0,94%

 

CALTANISSETTA      

149

242

-93

-2,67%

BERGAMO            

1.952

2.252

-300

-0,96%

 

ISERNIA            

79

130

-51

-2,69%

PRATO              

962

1.061

-99

-0,96%

 

CROTONE            

135

219

-84

-2,81%

VERBANIA            

228

271

-43

-0,99%

 

ASCOLI PICENO      

331

502

-171

-2,89%

TERAMO             

476

557

-81

-1,01%

 

ORISTANO           

2

187

-185

-5,92%

ROMA               

4.219

4.910

-691

-1,02%

 

ITALIA

80.836

92.265

-11.429

-0,85%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

Contattaci

0